Post in evidenza

Natale: Ricetta “Pittule Salentine”-Davide Cavalera

-Farina 0 500g

-lievito di birra fresco 12g (secco 7g)

-sale fino12g

-acqua tiepida frizzante 400 ml (80% idro)

Per preparare le pettole, setacciate la farina in una ciotola , fate al centro una fontana e scioglieteci il lievito di birra con poca acqua tiepida .

Sciogliete nell’acqua rimanente il sale e

versatela a filo poco alla volta sulla farina. Impastate con le mani per ottenere un impasto molto morbido e colloso ,se necessario aggiungete altra acqua. Dividetelo in due parti quindi mettete subito una di esse in una ciotola, coperta da un foglio di pellicola, a lievitare in forno spento con la luce accesa ,o a temperatura ambiente per 24h.

Dopo circa 20/24 ore, Appena l’olio avrà raggiunto i 180° (potete utilizzare un termometro per misurare la giusta temperatura), con un cucchiaio prelevate poco impasto alla volta 10, bagnate un dito in poca acqua 11 e fate scivolare con esso dal cucchiaio la pallina di impasto direttamente nell’olio, in modo da creare i caratteristici gambi 12.

Post in evidenza

“La Capricciosa”

La nostra #Capricciosa si presenta così:
Pomodoro BIO Antica Enotria, Fior di latte di Andria La Daria, Capperi di Pantelleria, Carciofi trifolati, Prosciutto cotto Praga Morgante, Olive Leccine, Basilico.

Gusto classico,ma rivisitato con prodotti di prima scelta e con pelato BIO.

La pizza capricciosa è nata come una pizza di scarto, veniva infatti preparata una base margherita con pomodoro e mozzarella a cui si aggiungevano gli avanzi di cibo rimasti.

Pizze D’Autore firmate ~Davide Cavalera-Pizzeria La Corte Gallipoli

Pizze ideate insieme al Maestro e ambasciatore del gusto della Puglia – Vincenzo Florio.

Post in evidenza

La “Marinara a modo mio”,da non perdere.

POMODORO PELATO BIOLOGICO ANTICA ENOTRIA, AGLIO DELL’UFITA PRESIDIO SLOW FOOD, ORIGANO DI OTRANTO, BASILICO, ALICI DELFINO DI CETARA, OLIVE LECCINE , OLIO PERANZANA DEL FRANTOIO GUGLIELMI.

Una marinara rivisitata,con sapori che si contrastano fra loro e con profumi da capogiro.

Accostamenti ideati insieme al Maestro Vincenzo Florio,ambasciatore del Gusto della Puglia.

Pizzeria La Corte-Gallipoli del Pettolino.

Pizze d’Autore firmate Davide Cavalera.

Post in evidenza

28-29 Settembre al “Foodexp Pizza chef emergenti Puglia” nella magnifica cornice di Lecce.

Davide Cavalera è tra i selezionati Pizza Chef pugliesi.

NUOVE DATE 2020 PER FoodExp LifeExperience!

Dopo il primo rinvio a settembre delle date di aprile, reso necessario dall’emergenza sanitaria, l”organizzazione di FoodExp conferma le date del 28 e 29 settembre per l’edizione 2020.


È tra gli eventi food & travel più interessanti del Sud Italia, assolutamente da non perdere a Lecce il 28 e 29 settembre.

FoodExp Food Life Experience accende i riflettori su ristorazione e ospitalità, cucina e sala d’autore, hôtellerie ed enogastronomia, agricoltura e biodiversità e punta sui giovani, #younginthefuture. Occasione di incontro e confronto aperto a tutti, operatori e non, la terza edizione, avrà luogo in un’affascinante residenza d’epoca quattrocentesca, il Chiostro dei Domenicani a Lecce.

FoodExp è anche un importante momento di crescita, è l’opportunità di partecipare a masterclass, dibattiti, laboratori, conferenze e tavole rotonde; di iscriversi all’edizione 2021 del Premio Emergente – chef, pizza chef ed emergenti sala e ricevimento – organizzato da Witaly, dal critico Luigi Cremona e dalla giornalista Lorenza Vitali, che presenteranno le novità del prossimo format regionale, con l’obiettivo di premiare e valorizzare i giovani pugliesi.


Post in evidenza

Per gli amanti della cipolla: “Cipolla in 4 consistenze “

CIPOLLA IN 4 CONSISTENZE ( CREMA DI CIPOLLA DI MONTORO IGP, FIOR DI LATTE, CIPOLLA DI MARGHERITA DI SAVOIA, TARTARE DI CIPOLLA ROSSA DI TROPEA IGP, CRUMBLE DI CIPOLLA DI ACQUAVIVA PRESIDIO SLOW FOOD .

La trasformazione della materia prima a chilometro zero,in più consistenze e cotture.

Una pizza molto tecnica,con diverse cotture e tipologie di cipolla,da provare assolutamente.

La Corte-Gallipoli

Pizze d’Autore-Davide Cavalera

Post in evidenza

Burrata affumicata e gambero viola di Gallipoli,accoppiata vincente

Sapori che si contrastano fra loro dando un esplosione al palato.

Sul menù de La Corte-Gallipoli viene chiamata “Viaggio da Gallipoli a Pachino”; base fornarina, misticanza,burrata affumicata,gambero viola di Gallipoli, polvere di arancia rossa di Pachino,olio all’arancia del frantoio Guglielmi di Andria e vin cotto balsamico.

Prodotti a chilometro zero del nostro territorio.

Post in evidenza

Cos’è la “Biga”? Ecco a voi una breve spiegazione.

L’utilizzo della biga come agente lievitante aumenta la morbidezza e la digeribilità del prodotto ottenuto, ne acuisce il sapore ed il profumo e ne allunga i tempi di conservazione.

Nella panificazione con metodo indiretto, la biga è un preimpasto ottenuto miscelando acqua, farina e lievito in proporzioni tali che esso risulti piuttosto asciutto.

Richiede l’impiego di farine forti ed equilibrate, con W maggiore di 300 e tempi brevi di miscelazione, temperatura finale non superiore a 21 °C e un periodo di fermentazionevariabile da dieci a quarantotto ore a temperature sui 16/18 °C, per bighe fino a 24 ore, o 4 °C nella prima fase e 18 °C nelle ultime 24 ore, per bighe fino a 48 ore. A seconda del tipo di pane e pizza che si intende preparare, si aggiungono quindi gli altri ingredienti. Dopo un’ulteriore lievitazione, l’impasto finale viene tagliato, formato e lasciato ancora lievitare prima della cottura.

Profilo Instagram:Davide_cavalera_pizza_chef

Post in evidenza

Pizza fatta a casa di Davide Cavalera,ricetta e procedimento:

Ricetta:

1k farina tipo 0

700g acqua (70% idratazione)

4g lievito di birra

30g sale

30g olio EVO.

Procedimento:

Si inserisce la farina in un contenitore (o planetaria) ,successivamente il lievito.

A questo punto si inizia a idratare l’impasto inserendo l’acqua un po’ alla volta,arrivati al punto di aver ottenuto un impasto ben compatto,si inserisce il sale,successivamente a filo un po’ di acqua restante per far assorbire meglio il sale,e come ultimo ingrediente inserisce l’olio.

Appena ottenuto un impasto morbido (ben idratato) e liscio si fanno le cosiddette “pieghe”,si piega l’impasto su sé stesso e si lascia riposare per circa un paio d’ore on un contenitore coperto,a temperatura ambiente.

Dopo due ore,si mette in frigo ad una temperatura di 4 gradi.

Dopo ben 24 ore,si toglie l’impasto dal frigo,si lascia riposare sul banco per circa 20 minuti.

Dopodiché si formano i panetti da 250/270g e si lasciano riposare coperti a temperatura ambiente per circa 3 ore.

Dopodiché sono pronti per la stesura,condimento e cottura.

La cottura varia in base al forno che si ha a casa.

Profilo Instagram: Davide_cavalera_pizza_chef

Post in evidenza

Pizza 100% semola con metodo “Autolisi”,ecco la ricetta:

1k farina di semola

720g acqua (72% idratazione)

5g lievito di birra

30g sale

30g olio EVO.

Procedimento:

Inserire la farina in un contenitore (o impastatrice),inserire all’interno il 55% di acqua(in questo caso inserire nella prima fase 550g di acqua )e impastare.

Appena la semola risulterà idratata e quindi,un impasto ben compatto,si lascia riposare per 30-60 minuti.

In seconda fase,aggiungere il lievito e versare poco per volta la restante acqua prevista dalla ricetta (170g) .Quando l’impasto avrà preso tutta l’acqua, aggiungere il sale per poi lavorare l’impasto,successivamente,appena assorbito il sale,aggiungere l’olio a filo e continuare ad impastare fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo.

Appena ottenuto l’impasto si lascia riposare per 20 minuti sul banco,dopodiché si staglia,quattro panetti da 250g,preferibilmente ad una maturazione di 24-48h in frigo.

Profilo Instagram: Davide_cavalera_pizza_chef

Post in evidenza

Come ottenere una buona pizza fatta in casa? Ecco a voi la ricetta.

1k Farina tipo 0

670g acqua (67% di idratazione)

4g lievito di birra

30g sale

30g olio EVO.

Una volta impastato si fanno le cosiddette “pieghe” , si chiude l’impasto su sé stesso e si conserva in un contenitore coperto.

Si lascia riposare per 24h a temperatura ambiente se avete una temperatura non eccessivamente calda,altrimenti in frigo a 4 gradi.

Dopo 24 ore,si staglia,si formano i cosiddetti “panetti” da 250g e si lasciano riposare per ben 3 ore,sempre coperti,per evitare formazione di croste.

Dopo 3 ore,i panetti li vedrete raddoppiati,sono pronti per la stesura,si condiscono come meglio credete e si infornano in forno pre riscaldato,statico,stando a casa,ad una temperatura di 230 gradi per 6/7 minuti.

Naturalmente i tempi di cottura variano in base al forno che avete a casa.

Profilo Instagram: davide_cavalera_pizza_chef

Post in evidenza

Pucce salentine alla pizzaiola ,ecco la ricetta:

-350 g di farina 00

-150 g di farina manitoba

-300 g di passata di pomodoro

-1 cipolla

-120 g di olio evo

-6 g di lievito di birra

-20 g di sale

-olive nere q.b.

-capperi q.b.

• PROCEDIMENTO

In una ciotola mescolare le farine e unire la passata di pomodoro, l’olio evo e il lievito

Impastare energicamente a mano o con una planetaria, dopo un po’ aggiungere le olive denocciolate , la cipolla affettata e il sale. Continuare ad impastare sino ad ottenere un composto ben amalgamato.

Far lievitare per più di 2 ore (deve raddoppiare il volume) coperto da un canovaccio pulito in un luogo tiepido.

Infarinare il piano lavoro e adagiare l’impasto che va diviso in pezzi (vedi foto).

Disporre i pezzi di impasto sulla teglia infarinata o rivestita da carta forno. Far lievitare nuovamente per circa 1 ora.

Appena avranno raddoppiato il volume cuocere in forno preriscaldato a 200°C per circa 25 minuti, devono risultare ben dorate.

Sfornare e far intiepidire

Profilo Instagram: davide_cavalera_pizza_chef

Post in evidenza

Restiamo a casa ed impariamo a fare la pizza con Davide Cavalera. (Articolo sul portale Nazionale di enogastronomia “Sapori Condivisi”🇮🇹)

Davide Cavalera,pizza chef pluripremiato di origini salentine,di Gallipoli,consiglia a tutti in questo periodo così difficile,stando a casa,di sfruttare al meglio il proprio tempo,una delle soluzioni più ottime per sfruttarlo al meglio è “impastare”,fare delle buone pizze a casa,uno dei momenti più bello da condividere con i propri familiari,oppure fare del buon pane,delle buone focacce,tutto ciò ci rilassa,ci fa staccare dalla triste realtà in cui ci troviamo e così facendo condividiamo del tempo con i nostri familiari,emergono così i valori che avevamo perso o ciò che facevamo da piccoli.

Profilo Instagram: davide_cavalera_pizza_chef Stacchiamo la spina,impastiamo,sorridiamo e andiamo avanti,tutti insieme ce la faremo,restate a casa.

Sul Portale Nazionale di Enogastronomia “Sapori Condivisi”🇮🇹

Post in evidenza

Si vuole alternare?Ecco la ricetta per fare delle buone Piade Romagnole.

500 gr di farina 00

220 gr di acqua

80 gr di strutto oppure 80 ml di olio extravergine

10 gr di sale

10 gr di lievito istantaneo per torte salate (oppure bicarbonato).

Prima di tutto inserire in una ciotola la farina, mescolare con lievito setacciato e sale. Aggiungere al centro l’acqua e lo strutto morbido oppure l’olio. Impastare energicamente se necessario aggiungendo ancora una spolverata di farina.

Coprite con una pellicola e lasciate riposare per 40 minuti a temperatura ambiente.

Riprendete quindi il panetto. Impastate pochi secondi senza farina in modo da ottenere una palla liscia.

dividete quindi in 6 porzioni da circa 130 – 140 gr ciascuna

Pirlate ogni porzione ricavando delle palline dalla superficie liscia e lasciate riposare per 15 minuti coperte da pellicola.

Stendete ogni panetto con l’aiuto di un mattarello, realizzando la forma di un disco dello spessore di 2 mm.

Cuocete quindi in una padella antiaderente oppure una piastra liscia oppure un testo o pietra refrattaria ben calda. Cuocete a fuoco moderato circa 2 minuti.

-Profilo instagram: davide_cavalera_pizza_chef◦

Post in evidenza

Come ottenere una buona pizza a casa: Ecco a voi il procedimento e la ricetta.

Impasto pizza da 1 chilo :

700g Farina tipo 0 / 300g farina integrale / 670g acqua (idratato al 67%) / 7g lievito di birra/ 30g di Sale / 30g di olio EVO.

1)Si inizia ad inserire all’interno di un contenitore la miscela delle due farine,nel frattempo si scioglie il lievito di birra in un bicchiere con un po’ di acqua,appena sciolto si inserisce nel contenitore insieme alle due farine e si inizia ad impastare.

2) Si inserisce l’acqua sempre a filo,per farla assorbire bene dalla farina,raggiunto un buon impasto abbastanza compatto si inserisce il sale,successivamente sempre con molta calma si continua a inserire l’acqua restante,anche per far assorbire bene il sale.

3) Come ultima fase,si inserisce l’olio,si chiude l’impasto in maniera da far assorbire bene l’olio e si posa l’impasto sul banco,a questo punto arriva la fase più importante,si fanno le pieghe,si chiude l’impasto su sé stesso verso il centro,deve risultare liscio.Ora si unge con un filo d’Olio il contenitore e si inserisce all’interno l’impasto completato,si copre con pellicola e si lascia a temperatura ambiente per circa un’ora,dopodiché in frigo a 4 gradi per tutta la notte.

4) Il mattino seguente,verso l’ora di pranzo il volume dell’impasto sarà raddoppiato,si mette fuori dal frigo,si staglia e si dosano quattro panetti da 250g ,si coprono per farli maturare al punto giusto.

5) Orario di cena; si stendono i seguenti panetti,si condiscono e si infornano per la cottura,in questo caso essendo a casa ognuno si regola in base alle potenzialità del proprio forno.

Buon Appetito,restate a casa.

Profilo Instagram: davide_cavalera_pizza_chef

Post in evidenza

Davide Cavalera: restate a casa,ci riabbracceremo più forte di prima.

Il Pizzaiolo gallipolino dà un appello a tutti i cittadini in questo periodo di grande difficoltà mondiale e nazionale la quale ci troviamo.

“Restare a casa,è l’unica soluzione per uscire al più presto da questa situazione,fare i furbi non serve,aggrava solo la situazione attuale. Ci sono molte cose che si possono fare a casa per passare il tempo,si può impastare e fare una buona pizza,una focaccia,il pane,ma si possono fare anche dei dolci o leggere un libro,ascoltare musica,ci hanno chiesto solo di restare a casa,non di andare in guerra.”

“Più restiamo uniti,prima ci abbracceremo o andremo a cenare tutti insieme,magari con una bella pizza.”

Da giorni tramite il mio account Instagram “Davidecavalerapizzachef” pubblico diverse ricette,potete seguirle e attuarle a casa.

“Ringrazio molto chi già sta seguendo le mie ricette ottenendo un buon risultato,grazie mille.”

“Non mi stancherò mai di ripeterlo,state a casa,ce la faremo!“